Scritto il
December 7, 2020

Importare dalla Cina: Come gestire le spedizioni

Cargo

L’import di prodotti dalla Cina è un’operazione che nel corso degli ultimi anni ha subito un incremento notevole. Per l’Italia, infatti, la Cina rappresenta il 5° partner commerciale in termini di interscambio di beni, per un giro d’affari che sfiora i 38 miliardi di euro (Fonte: Italian Trade Agency).

Tuttavia, le operazioni di import dalla Cina presentano alcune complessità che è necessario tenere in considerazione. Nella guida di oggi vedremo allora come spedire prodotti dalla Cina, quali sono le opzioni migliori e quali sono i costi che bisognerà affrontare per la spedizione.

Come importare merci dalla Cina

Ad oggi esistono tre diverse opzioni di trasporto che ti consentono di spedire prodotti dalla Cina. Tuttavia, non possiamo dire che tutte e tre siano convenienti allo stesso livello, specie per quanto riguarda i tempi di spedizione ed il costo richiesto per l’operazione.

Come vedremo, infatti, per avere la garanzia di prendere la decisione migliore è necessario tenere in considerazione tutti gli aspetti che contraddistinguono queste tre opzioni di spedizione. Prima, però, ci teniamo a sottolineare che la scelta del mezzo di trasporto dipende primariamente da:

  • Tipologia e quantità di merce
  • Tempistiche
  • Budget
spedizioni via aerea dalla cina

Spedizioni via aerea

Il traporto via aerea di merci dalla Cina è sicuramente il metodo più rapido per poter vedere arrivare i prodotti a destinazione. Insomma, quale mezzo è più veloce dell’aereo? Tuttavia, quando si parla di import, la velocità non è l’unico fattore da tenere in considerazione.

La spedizione aerea, infatti, è anche quella più soggetta a limitazioniin termini di peso e volume della merce. In altre parole, l’aereo consente il trasporto di merci pesanti, ma non troppo ingombranti.

Per quanto riguarda il costo del trasporto, il prezzo viene calcolato in base alla natura della merce. Se si tratta di prodotti densi e pesanti, il prezzo verrà calcolato sul peso; se invece la merce è leggera ma occupa molto spazio, in base al volume.

In sostanza, il costo della spedizione aerea varia in base a ciò che è più conveniente per la compagnia stessa.

Spedizioni via mare

L’import di prodotti dalla Cina via mare è la seconda tipologia di spedizione a cui puoi affidarti. Per le modalità che la caratterizzano, potrebbe rivelarsi la scelta ottimale per il trasferimento della merce, a patto che tu sia disposto ad aspettare 30-40 giorni per il transito.

spedire via mare dalla cina

La spedizione via mare, infatti, è quella che richiede più tempo in assoluto. Questo è forse il suo unico grande limite. Per il resto, invece, la spedizione navale gode di un ottimo rapporto tra il costo e la capacità di carico.

Anche in questo caso la merce verrà “valutata” in base al peso e al volume, ma a differenza della spedizione aerea, non ci sono limitazioni in termini volumetrici. Inoltre, il trasporto marittimo ti consente anche di godere della convenienza delle spedizioni in groupage, che riducono drasticamente il costo dell’operazione.

Questa opzione, però, non è offerta da tutte le compagnie. Molte, infatti, richiedono il carico completo per poter effettuare la spedizione. Noi di Lesam International, invece, offriamo questa opportunità ai nostri clienti. Clicca qui per avere maggiori informazioni e per richiedere un preventivo gratuito.

Spedizioni via treno

Da ultimo, e non per importanza, abbiamo la spedizione su rotaia, che nel corso degli ultimi anni si sta rivelando un’opzione molto interessante per gli importatori europei. Difatti, il trasporto via treno gode di un ottimo potenziale:

  • Il costo è inferiore rispetto alla spedizione aerea
  • Le tempistiche sono più veloci rispetto alla spedizione navale

In linea di massima, la spedizione su rotaia richiede circa 10 giorni. In altre parole, servirsi del trasporto su rotaia è la perfetta via di mezzo. In aggiunta abbiamo l’efficienza delle reti ferroviarie che, dalla Cina, arrivano dritte all’Europa.

Da ultimo, proprio come per il trasporto marittimo, anche quello su rotaia può essere effettuato tramite carico parziale (parliamo di spedizioni in groupage) o carico completo.

Importare dalla Cina: Spese e costi

Oltre alla gestione “pratica” delle spedizioni, nel momento in cui decidi di importare dalla Cina dovrai tenere in considerazione anche il costo dei dazi doganali e dell’IVA. I fattori che influiscono maggiormente su queste spese sono essenzialmente due: la tipologia di carico e i termini di commercio internazionale (Incoterms).

Questi ultimi, infatti, servono per stabilire e ripartire le responsabilità della spedizione tra il venditore e l’importatore. Nel momento in cui il venditore avesse maggiori obblighi, il costo del trasporto sarà tanto più alto per il compratore.

Inoltre, la definizione dell’Incoterm tra le due parti vedrà sin dal principio l’inclusione -o meno- di alcuni costi relativi alla spedizione:

spedire in treno dalla cina
  • – Documenti di esportazione
  • – Trasporto locale (dall’azienda al punto di carico)
  • – Costo della spedizione
  • – Assicurazione
  • – Trasporto verso la destinazione finale

Come dicevamo, però, bisogna tenere in considerazione anche i dazi doganali e l’IVA (detraibile). I dazi, ovvero le imposte indirette applicate sul valore della merce importata, variano in base alle normative di ogni paese e alla tipologia della merce stessa.

Tra i paesi dell’Unione Europea, per esempio, questo problema non si pone. In altre parole, importare beni dalla Francia, dalla Spagna o dalla Grecia, non richiede il pagamento di nessun dazio. Il discorso, però, cambia quando si parla di import da paesi extraeuropei, come per l’appunto, la Cina.

In questo caso, la natura dei dazi da pagare varia in base al tipo di prodotto che si desidera importare. Se la merce importata non viene prodotta in Europa, i dazi saranno molto bassi, se non addirittura assenti. Al contrario, dal momento che subentra il discorso legato alla concorrenza manifatturiera, i dazi da pagare saranno più alti.

Per quanto riguarda l’IVA, quest’ultima dovrà essere calcolata sul valore dei prodotti più i dazi. Il costo dell’IVA viene sostenuto dall’importatore e pagata in dogana all’atto del rinomato sdoganamento.

Questa operazione viene certificata dalla bolla doganale, un documento che riporta l’ammontare dei dazi doganali e dell’IVA. Ad ogni modo, l’IVA sui prodotti importati può essere scaricata esattamente come quando si acquistano merci a livello europeo.