Scritto il
April 25, 2021

Cosa importare dalla Cina: La guida completa

All Shipments

La Cina è uno dei maggiori produttori globali, nonché la seconda economia mondiale dopo gli Stati Uniti, e il quinto partner commerciale dell'Italia. Specialmente negli ultimi anni, inoltre, gli scambi tra Cina e Italia sono aumentati di molto nonostante importare dalla Cina possa risultare, per certi versi, piuttosto difficoltoso.

I produttori cinesi, infatti, puntano ad una produzione elevata, ma a basso costo. Di conseguenza, anche gli standard di qualità e sicurezza - questione molto importante quando si tratta di importazioni - risultano inadeguati, o nel peggiore dei casi assenti.

Per questo motivo, ogni volta che si ha la necessità di importare dei prodotti dalla Cina, si dovrà fare molta attenzione a che questi siano tutti certificati. Se così non fosse, una volta arrivati in Europa potrebbero essere rispediti indietro, o addirittura distrutti. In questo articolo cercheremo, quindi, di capire come muoversi per importare dalla Cina e, soprattutto, cosa si può importare e cosa no.

Cosa importare dalla Cina: I prodotti concessi e quelli non concessi

Come prima cosa, in realtà, si deve specificare che non è del tutto corretto parlare di prodotti concessi e non concessi. Infatti, a meno che non si tratti di importazioni di prodotti illegali, è meglio dire che dalla Cina si possano importare prodotti più facilmente, o meno facilmente. Vediamo più nel dettaglio quali sono.

Tra i prodotti facilmente importabili troviamo:

  • Elettrodomestici e articoli di elettronica
  • Abbigliamento e tessuti
  • Articoli di arredamento
  • Accessori per cellulari
  • Articoli in pelle
  • Articoli in lego
  • Accessori
  • Gioielli

Tra i prodotti difficilmente importabili, invece, troviamo:

  • Farmici e dispositivi medici
  • Alimenti e bevande
  • Giocattoli
  • Cosmetici

Questa ultima categoria comprende tutti quei prodotti, che come si anticipava, necessitano per forza del marchio CE (il marchio di Conformità Europea) che assicura che il prodotto rispetti tutte le disposizioni emanate dalla Comunità Europea.

Esistono, inoltre, anche altre certificazioni necessarie come la RoHS e la REACH che garantiscono che i prodotti siano stati fabbricati in sicurezza e senza l'utilizzo di materiali dannosi per la salute, come metalli o sostanze chimiche pericolose.

Come si importano i prodotti?

Stando a quanto detto, cerchiamo di capire ora quali siano i principali passaggi da affrontare per importare prodotti commerciabili dalla Cina. Prima di tutto, è importante conoscere quali figure stanno dietro all'intero processo di importazione:

  1. Il fabbricante (o fornitore): è importante sceglierlo con cura poiché sarà lui il responsabile del rilascio del prodotto e sarà sua premura immetterlo nel mercato della Comunità Europea con tutte le certificazioni necessarie;
  2. Il rappresentante autorizzato: lavora per conto del fabbricante, ma è scelto dalla Comunità. È la persona che viene contattata dalle autorità degli Stati membri e a cui vengono affidate le direttive del nuovo approccio;
  3. L'importatore: qualora non fosse possibile identificare il fabbricante e il prodotto importato risultasse non idoneo, questa figura diventa la nuova responsabile dell'immissione dei prodotti provenienti da pesi extra-UE, sul mercato della Comunità Europea;
  4. Il distributore: è la figura incaricata di procedere alle azioni commerciali successive all'immissione del prodotto extra-UE nel mercato Europeo.

Lo scopo finale, insieme anche al lavoro della Dogana (per approfondimenti sulla dogana cinese leggi questo articolo) è quello di assicurarsi che tutti i prodotti importati siano legalmente autorizzati ed entrare - per poi circolare - nel mercato dell'Unione Europea.

Una volta che si è certi che i prodotti scelti siano idonei all'importazione in Italia, non resta che stabilire, in base alla tipologia di merce, con quale mezzo di trasporto è più conveniente importare.

Solitamente, la maggior parte delle spedizioni dalla Cina all'Italia avvengono per via marittima perché consentono di trasportare una quantità di merce molto elevata e la nave, per le sue caratteristiche, risulta essere il mezzo più efficiente e allo stesso tempo economico. In quest'altro articolo puoi trovare maggiori informazioni su come gestire le importazioni dalla Cina.

Importare dalla Cina: 8 utili consigli

Considerando tutte le particolarità che presenta la Cina a livello commerciale, ora forniremo dei consigli che potrai utilizzare come una piccola guida per poterti orientare al meglio nel processo di importazione.

Consiglio 1: Redigi il business plan

Soprattutto nei rapporti con la Cina, l'improvvisazione non è ammessa. Prima di avviare l'importazione hai bisogno di conoscere le risorse, il mercato competitivo e gli obiettivi da raggiunger

Consiglio 2: Informati sulle normative

Come abbiamo già detto, non tutti i prodotti possono essere importati dalla Cina, e alcuni di quelli accessibili all'Italia sono fortemente controllati. Pertanto, informati minuziosamente sulle normative vigenti in entrambi i Paesi e su tutte le certificazioni necessarie.

Consiglio 3: Ricerca i giusti fornitori

La Cina offre molti vantaggi in termini di risparmio economico. Attenzione, però, a non scegliere il prodotto solo in base al prezzo. Infatti, ci sono molti altri aspetti da tenere in considerazione come l'affidabilità, la qualità o un metodo di pagamento sicuro. Pertanto, scegli il giusto fornitore sulla base di tutte queste considerazioni.

Consiglio 4: Ordina dei campioni

La sicurezza non è mai troppa. Prima di procedere con un ordine oltreoceano, sarebbe ideale farsi spedire prima dei campioni del prodotto che hai scelto, così da poterlo testare in tranquillità ed evitare spiacevoli sorprese.

Consiglio 5: Analizza il contratto di acquisto

Prima di firmare, controlla più di una volta tutto il contratto: tempistiche di produzione, termini di pagamento, di consegna e così via. Tutto deve essere indicato in modo chiaro, così da evitare incomprensioni. Inoltre, ricorda di controllare anche i termini commerciali internazionali (Intercom) poiché definiscono i costi a carico e le responsabilità delle parti coinvolte.

Consiglio 6: Attenzione alle imposte

La Dogana potrebbe rappresentare una fase ricca di insidie. Pertanto, ricordati di pagare sempre le imposte (IVA e dazi) altrimenti la tua merce rimarrà bloccata e causerà ritardi nella spedizione e un aumento dei costi.

Consiglio 7: Cura i tempi di consegna

È molto importante procedere con stime e previsioni realistiche sui tempi di consegna perché vanno stabiliti con molta attenzione. Infatti, devi prestare attenzione a comunicare al cliente finale una data che sei certo di poter rispettare.

Consiglio 8: Affidati ad un esperto

Affidarsi a chi fa questo di lavoro, come noi di Lesam International Group, è sicuramente la decisione migliore da prendere. Infatti, ci occuperemo noi di tutto e potrai importare i tuoi prodotti senza alcuna preoccupazione. Per un preventivo gratuito, clicca qui.